Attenzione: dal 1 gennaio 2019 è costituito il Comune di Barberino Tavarnelle (legge regionale 63/2018).

Il nuovo sito è in fase di costruzione, raggiungibile al link http://www.barberinotavarnelle.it.

La pec del nuovo ente è: barberinotavarnelle@postacert.toscana.it

 

Mario Madiai "Unitamente in due" - Proroga apertura mostra 13 maggio

Proroga apertura mostra pittura al 13 maggio

Presso il Palazzo Malaspina di San Donato in Poggio (Tavarnelle Val di Pesa, Firenze) viene inaugurata la mostra personale di pittura di Mario Madiai dal titolo “Unitamente in due”,  sabato 17 marzo 2018, promossa dall’Unione Comunale del Chianti Fiorentino, organizzata da FuoriLuogo e curatore Filippo Lotti.

Mario Madiai nasce a Siena nel 1944, studia presso l'Accademia d'Arte di Lucca. Ancora giovane si trasferisce a Livorno, dove il suo talento precoce viene subito riconosciuto dai critici, dai collezionisti e dagli esperti d'arte. Già dall'inizio degli Anni '70 il suo lavoro ebbe grande successo e le sue opere esposte in Europa, Asia e nelle Americhe. I dipinti di Madiai sono, recentemente, entrati a far parte delle collezioni permanenti del Museo di Arte Moderna Mario Grimoldi e del Museo d'Arte dello Splendore in Toscana. Madiai è uno dei nomi dell'arte contemporanea italiana più apprezzato e riconosciuto dalla critica e viene considerato un erede legittimo dell'arte dei "Macchiaioli" originari di Livorno. Mario Madiai nel suo cammino artistico ha attraversato nuclei tematici differenti: dai paesaggi toscani alle rose, dai girasoli alle nature morte, da visioni di città alle storie di Pinocchio, da stagioni figurative ad opere più informali, ma il filo rosso che lega le sue opere e la sua creatività è l’autenticità, sperimentatore di tecniche diverse per arrivare a dare un’emozione autentica a noi spettatori.

A chi gli chiede a quale grande famiglia degli artisti si definisce, risponde di non appartenere ad uno schema di lavoro stabilito ma alla "razza umana" senza molte etichette e il suo lavoro ad un "caos organizzato".

Madiai, si è trasferito nella campagna fra Livorno e Pisa, dove ha una tenuta e dedica il suo tempo tra la sua passione per la pittura e la produzione del vino. Il vino si chiama "Malacoda", un merlot puro, raffinato. Mario Madiai è il primo artista vintner a dipingere a mano quasi ogni etichetta, creando un oggetto unico con ogni bottiglia.

"Unitamente in due" per il sodalizio artistico con la figlia Giorgia, ottima fotografa oltre che pittrice di talento. Insieme hanno realizzato alcuni dipinti, mettendo insieme esperienze, foto e colori.

In esposizione circa 40 opere che rappresentano il percorso artistico di Madiai.

"La mostra delle opere dell'artista toscano viene eccezionalmente prorogata fino a domenica 13 maggio nella splendida cornice del Palazzo rinascimentale nel centro storico di San Donato in Poggio. Occasione per ammirare  i numerosi soggetti presenti nella mostra come le amate rose rosse, gialle, blu, aperte o semichiuse, i pinocchi, i murales di Madiai famosi in tutto il mondo.
Madiai, un artista che non si è mai fermato, un artista libero, non omologabile, spontaneo ed originale."

ingresso gratuito

Per info:

Segreteria Eventi Coop Itinera Progetti e Ricerche - tel 0586894563

Infopoint Tavarnelle - tel 055 8077832 - e mail: info@unionechiantifiorentino.it